Fabrizio Bosso, uno dei più grandi talenti della tromba in Italia, è sicuramente il jazzista che ospitiamo più frequentemente. Tecnicamente impeccabile, ciò che più colpisce di Fabrizio è la creazione di una grafia personale, in cui il colore e la dinamica del suono non sono mai scontati, il senso dello swing è spinto agli eccessi, la tensione creativa è costante anche nell’interpretazione di standard.
“Spiritual” è uno dei suoi progetti più affascinanti, con gli straordinari Alberto Marsico all’Hammond e Alessandro Minetto alla batteria. La matrice del progetto è la musica nera, declinata nella sua variante gospel. “Spiritual” è, quindi, un appassionato viaggio nelle calde sonorità di questo genere.
Al Palazzo D’Auria Secondo il trio presenterà il nuovo album “Purple”, che renderà ancora omaggio alla musica nera. Nel solco di questa tradizione, la tromba di Bosso innalza la sua voce in uno spazio colmo di pathos.